Corso di laurea magistrale interdipartimentale

DIRITTI DELL'UOMO, DELLE MIGRAZIONI E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

Giurisprudenza; Lettere, Filosofia, Comunicazione; Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi

Sbocchi occupazionali

Sbocchi occupazionali - DUMCI

Sbocchi occupazionali:
Esperti, ricercatori e funzionari nell'ambito della gestione, definizione e sperimentazione di progetti, nel settore della cooperazione internazionale e delle politiche di integrazione in enti e organismi pubblici e privati (Pubblica Amministrazione, organizzazioni internazionali, istituzioni locali e mondo imprenditoriale).

Funzionari in enti nazionali e sovranazionali impegnati nella cooperazione internazionale e nella gestione dei flussi migratori e dei richiedenti asilo.

Carriera diplomatica (Segretario di legazione - previo superamento di concorso pubblico).

Funzione in un contesto di lavoro:
Svolgimento di compiti connessi allo studio, alla definizione e alla gestione di progetti riguardanti: la cooperazione allo sviluppo, i fenomeni migratori, le politiche di inclusione e di integrazione.

Competenze associate alla funzione:
Competenze nell'ambito della formazione e della ricerca nel campo dei diritti umani, dei migranti e rifugiati e della cooperazione internazionale allo sviluppo.

Competenze per l'ideazione, progettazione ed implementazione di progetti di cooperazione internazionale e di politiche e strumenti di integrazione.

Competenze per l'istituzione di partnership a livello locale, nazionale ed internazionale tra enti e organismi pubblici e privati ed associazioni della società civile.

Sbocchi occupazionali - DUECI

 

  • Specialista in scienze umane, sociali e gestionali, presso ONG e organismi istituzionali, per l'elaborazione e la gestione di progetti regionali, nazionali, europei, quali Longlife Learning ProgramLeonardoTempusHorizon 2020, ecc.
  • Specialista della formazione e della ricerca presso centri pubblici (Università, associazioni di imprese, sindacati, camere di commercio) e privati (banche, associazioni per la cooperazione, ecc.)
  • Cooperante allo sviluppo internazionale, presso istituzioni locali (comunali, provinciali e regionali, della Diocesi), nazionali, internazionali, o presso organizzazioni private (ONG)
  • Funzionario di organismi internazionali (Nazioni Unite, Unione Europea, Banca Mondiale, FAO, FMI) nazionali (Ministeri) o locali (Regioni, Province, Comuni o altri Enti pubblici) quale esperto addetto alla pianificazione e al monitoraggio di progetti di tutela dei diritti umani e di cooperazione
  • Manager specializzato nelle valutazioni di localizzazione e impatto sul territorio presso imprese internazionali operanti in contesti in sviluppo